Il Capodanno russo: l’arrivo di Nonno Gelo e lo scambio dei regali

Siamo già a Dicembre il mese delle festività. In Russia dopo il crollo dell’URSS il 25 Dicembre è tornato ad essere una festa ufficiale, nonostante ciò è rimasto un giorno feriale e a festeggiare il Natale in questa giornata sono per lo più gli stranieri. Infatti, per il calendario russo il Natale ortodosso cade il 7 Gennaio, questa giornata è una festa civile nazionale.

Il tradizionale momento dello scambio dei regali avviene per Capodanno, festa familiare per eccellenza. Infatti, per il 31 Dicembre tutti i familiari tornano a casa e si festeggia tutti insieme l’arrivo del nuovo anno con una cena a base di numerosissimi tipi di insalate, preparate in abbondante quantità. I russi trascorrono gli ultimi minuti del nuovo anno ascoltando il discorso del presidente e a mezzanotte si stappa lo champagne, seguono poi i fuochi d’artificio (tradizioni uguali anche nel nostro paese).

Quello che accomuna il Capodanno russo al nostro natale è l’arrivo di Ded Moroz (il Babbo Natale russo) che porta i doni ai piccoli di casa. Nonno Gelo (traduzione di Ded Moroz) è accompagnato ed aiutato dalla sua graziosa nipotina Snegurocka, la fanciulla della neve. Nelle famiglie russe questa simpatica coppia intrattiene i piccini la notte dell’ultimo dell’anno, chiedendo loro di recitare una poesia in cambio di dolciumi.

Il Capodanno russo è sicuramente una festa che vale la pena di vedere dal vivo, per questo motivo non fatevi sfuggire la possibilità di richiedere il visto turistico a soli 115 Euro. Contattateci e trascorrete questo Capodanno tra le tradizioni e riti della federazione russa.

Recent Posts

Leave a Comment